(23 gennaio 2020) – 25.000 EURO DAL MINISTERO PER ATTIVITA’ DI PREVENZIONE E CONTRASTO ALLO SPACCIO DI STUPEFACENTI DEDICATE ALLE SCUOLE







OMUNICATO STAMPA – CITTA’ DI SARONNO
25.000 EURO DAL MINISTERO PER ATTIVITA’ DI PREVENZIONE E CONTRASTO ALLO SPACCIO DI STUPEFACENTI DEDICATE ALLE SCUOLE


(Saronno, 23 gennaio 2020) Il Ministero dell’Interno ha assegnato 25.000 euro all’Amministrazione comunale di Saronno per attività di prevenzione e contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti nei pressi degli istituti scolastici, all’interno del progetto ‘Scuole Sicure 2020/2021’. E’ lo stesso comune che aveva presentato precisa richiesta di finanziamento, accettata dal Ministero. La notizia è stata comunicata all’ente locale direttamente dalla Prefettura di Varese.
Saronno è rientrato dunque nel Fondo per la sicurezza urbana gestito dal Ministero che è stato erogato a 100 comuni italiani individuati che ne hanno fatto esplicita richiesta.
Nel dettaglio, come nelle passate edizioni dell’iniziativa, il contributo può essere destinato alla realizzazione di sistemi di videosorveglianza, all’assunzione a tempo determinato di agenti di Polizia Locale, al pagamento delle prestazioni di lavoro straordinario del personale della Polizia Locale, all’acquisto di mezzi e attrezzature e alla promozione di campagne informative volte alla prevenzione e al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti.
“Una buona notizia – ha commentato Sindaco di Saronno,
Alessandro Fagioli
, – in quanto, grazie a questo finanziamento, potremo introdurre nuove iniziative sempre volte alla lotta dello spaccio e all’uso di stupefacenti, fenomeni gravissimi che purtroppo vedono protagonisti ragazzi sempre più giovani. In questi quasi 5 anni di lavoro sono state tante le iniziative promosse dalla mia Amministrazione, ricordo ad esempio, i controlli sempre più frequenti con cani antidroga sui percorsi scuola-stazione, ai quali si aggiungono quelli organizzativi da tutte le Forze dell’Ordine, che ringrazio nuovamente per la loro preziosa attività di controllo e prevenzione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *