25 ottobre 2020 – Silighini: la chiusura dei cinema è la tomba del settore. Conte ci aiuti







Alla luce di ciò che trapela dal nuovo dcpm si va verso una nuova serrata dei cinema. Questa seconda chiusura è il colpo mortale alla nostra professione, alla nostra attività. Set chiusi che a questo punto non riapriranno più, pellicole che non vedranno più il buio della sala ma lasceranno solo buio intorno a un settore che questa volta sarà costretto a subire un danno irreparabile che senza un aiuto concreto alle piccole e medie imprese cinematografiche non riuscirà a sopravvivere. Questo è un duro colpo, forse peggiore di quello della scorsa primavera perchè molte imprese avevano deciso di scommettere sulla ripresa riaprendo set, comprando nuovi film da distribuire. Un colpo che danneggerà anche le grandi società che senza la sala saranno costrette a interrompere le collaborazioni con le innumerevoli realtà indipendenti. Un domino mortale. È il momento che lo Stato aiuti la settima arte finora ignorata da provvedimenti specifici. Il cinema italiano rischia di morire risucchiato, tra l’altro in piccola parte, da piattaforme on demand multinazionali che seppelliranno le realtà indipendenti rappresentanti oggi l’85% delle produzioni italiane. Il profumo delle poltroncine, dei pop corn, la magia del buio sarà solo un ricordo. Siamo tutti convinti che la cosa primaria sia salvaguardare le vite umane, ma noi operatori artistici chiediamo al Premier Conte un aiuto specifico per il nostro cinema fatto di società e un numero immenso di partite iva che rischiano la chiusura: mai come ora è vitale. 
 
Luciano Silighini Garagnani
Titolare “The Silighini Company LLC” , “LSG Productions LLC” e “RRE International LLC”
Presidente “Alto Milanese e Saronno Film Commission”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *