1 settembre 2020 – RISPOSTA A M5S RACCOLTA FIRME OSPEDALEtembre 2020 – Da Obiettivo Saronno:

RISPOSTA A M5S RACCOLTA FIRME OSPEDALE

Nessuna indignazione, siamo fieri di essere remigini e inesperti di un modo di fare politica molto lontano dal nostro modo di pensare e agire per il bene dei Cittadini, e volutamente ignoreremo i modelli di “esperti” che sono stati molto bravi a fermare lo sviluppo della città negli ultimi venti anni perché impegnati in altre questioni. Alcune dinamiche politiche ci sono fin troppo chiare e anche per questo LA lista civica indipendente Obiettivo Saronno è nata, come Associazione politico culturale, più di un anno fa e nella testa dei suoi fondatori più di due anni orsono.

La salvaguardia del nostro Ospedale cittadino – lo scrivo volutamente con la O maiuscola per sottolineare l’importanza che merita – è un tema che ci sta particolarmente a cuore, da tempo: all’inizio di maggio abbiamo accolto con umiltà l’appello accorato di una parte del personale sanitario senza voltarci dall’altra parte – a differenza di altri – abbiamo organizzato a giugno la petizione di sensibilizzazione con la raccolta firme aperta a tutti – e dico tutti – i cittadini di Saronno e dei paesi limitrofi. I cittadini hanno capito il significato di questa iniziativa e stanno partecipando con convinzione e affetto, perché l’Ospedale è un bene primario. È deprimente solo il pensiero che tutto ciò sia stato fatto ai fini della campagna elettorale: gli “esperti” della politica stanno vivendo la petizione in questo modo e, a riprova di ciò, il fatto che non abbiamo ancora avuto il piacere di vedere le firme di qualche esponente sui fogli che abbiamo con fatica, ma con il grande orgoglio dei dilettanti, preparato. Questi fogli firma non riportano alcun logo o riferimento alla lista civica Obiettivo Saronno come invece dichiarato a lettere cubitali dal candidato del Movimento: del resto non avendo firmato non può saperlo. L’invito a firmare, per tutti, è ancora valido perché la nostra petizione continuerà fino a quando non avremo raccolto un numero di firme significativo, affinché l’iniziativa abbia il peso che meriti. Ricordiamo che, al termine della raccolta, gli incartamenti saranno a disposizione del Sindaco o della Sindaca in carica dal 5 ottobre per procedere con le istituzioni competenti, ASST Valle Olona e Regione Lombardia.

Il nostro stupore rimane sulla scelta dell’avversario politico di organizzare una petizione parallela a quella già attiva sul territorio, per di più, come dichiarato dallo stesso candidato, con il medesimo contenuto. Questa è una mossa tipica degli “esperti”, lontana anni luce dal nostro modo di fare. E così da “inesperti” vi domandiamo: perché non firmate la petizione attiva da giugno? Perché avete organizzato una seconda petizione parallela a quella gestita da Obiettivo Saronno? Perché non avete pensato di dialogare con Obiettivo Saronno per unire le forze su un tema super partes, per proporre la petizione online come ulteriore modalità di partecipazione a quella già in essere?

1 settembre 2020 – Incontro PD Saronno Venerdì 4.9 ore 18 in Piazza Libertà. Ospite l’On Chiara Braga Ambiente e Sostenibilità

Incontro PD Saronno Venerdì 4.9 ore 18 in Piazza Libertà. Ospite l’On Chiara Braga
Ambiente e Sostenibilità
Prosegue l’attività del Partito Democratico nella campagna elettorale a sostegno del candidato sindaco di coalizione Augusto Airoldi. Il rientro dalle vacanze è coinciso con l’incontro di Lunedì in piazza con l’On Alfieri e tanta partecipazione. Il prossimo appuntamento sarà Venerdi 4.9, alle ore 18 in Piazza Libertà davanti al Bar P Greco sarà con noi l’On. Chiara Braga, Responsabile Ambiente e Sostenibilità del PD nazionale, da anni si occupa con attenzione di questioni ambientali tanto da rappresentare l’Italia al summit sul cambiamento climatico di Parigi. E’ stata inoltre Presidente della Commissione sulle Ecomafie.
Chiara è di Como, ha iniziato la sua attività politica a Bregnano. E’ una nostra vicina di casa e non ha esitato un attimo ad accettare il nostro invito per darci una mano e sostenere il nostro candidato sindaco. Non le faremo mancare il nostro caloroso benvenuto!
Sarà un’occasione per parlare insieme di ambiente e sostenibilità per la nostra città, temi molto sentiti e di grande importanza di questi tempi . Parleremo anche del rapporto malato dell’uomo con la natura che attraverso traffici, deforestazione ed alterazione degli equilibri eco-sistemici sta mettendo sempre più a rischio la nostra salute, le nostre società e le nostre economie.
Forza, prepariamoci a un bell’incontro al termine del quale faremo insieme un aperitivo .
Vi aspettiamo numerosi
PD Saronno

1 settembre 2020 – Risposta dell’Assessore Lonardoni e dell’Assessore Miglino in merito ai dubbi sulla scuola sollevati dalla Consigliera Leotta. ttembre 2020 –

Oggetto: Risposta dell’Assessore Lonardoni e dell’Assessore Miglino in merito ai dubbi sulla scuola sollevati dalla Consigliera Leotta.
In riferimento ai dubbi e alle preoccupazioni sollevate dalla consigliera Leotta riguardo l’organizzazione scolastica e all’apertura del prossimo 14 settembre, riteniamo di poterla tranquillizzare. Abbiamo tenuto costanti rapporti con i dirigenti scolastici dei tre istituti comprensivi e agli stessi ci siamo rivolti per conoscere le loro esigenze e con loro abbiamo pianificato tutti gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria richiesti che saranno terminati prima dell’apertura della scuola. A conoscenza del cambio delle nuove nomine dirigenziali avvenuta qualche giorno fa, li abbiamo invitati domani 2 settembre alle ore 10 e/o giovedì 3 ore 16 per un incontro in Comune per condividere quanto richiesto dai loro predecessori e aggiornarli rispetto a nuove esigenze.
Per quanto riguarda invece i servizi educativi, siamo in grado di mantenere e garantire lo stesso numero di ore per il sostegno educativo per l’assistenza degli alunni disabili o BES (bisogni educativi speciali) nelle scuole elementari. Stiamo assumendo inoltre dieci educatori presso l’Istituzione Zerbi necessari per garantire il rispetto dei nuovi standard richiesti dalle normative anti Covid. Questi impegni dell’Amministrazione sono stati comunicati ai dirigenti scolastici con protocollo n. 22471 del 27.08.2020. Inoltre è stata concordata con gli stessi una riunione il 9 settembre per approfondire le tematiche legate ai servizi educativi. È previsto per il 2 settembre un incontro con le rappresentanze sindacali per la presentazione del protocollo operativo di sicurezza che consentirà la ripartenza delle scuole dell’infanzia il 7 settembre.
Riguardo al tema dei trasporti interurbani che non sono di competenza dell’ente locale, solo ieri sera il Governo ha stabilito nuove modalità di trasporto.

1 settembre 2020 – Azione vede nella candidatura di Pierluigi Gilli l’unica possibilità di riscatto per Saronno

Nota stampa
Azione vede nella candidatura di Pierluigi Gilli l’unica possibilità di riscatto per Saronno
Saronno, 1 settembre 2020 – Silvio Barosso, responsabile del gruppo saronnese di Azione, candidato al consiglio comunale nella lista “Italia Viva Azione +Europa”, a sostegno di Pierluigi Gilli, ha dichiarato oggi:
“Osserviamo da parte di alcune forze politiche il tentativo di evocare ideologie fuori luogo, solo per consolidare il consenso e trarne un qualche minimo vantaggio elettorale. La verità è che ci troviamo oggi in una città spesso mal funzionante e trascurata, in ordine e pulita solo nei punti in cui è previsto che i funzionari di turno in visita debbano poggiare i piedi e lo sguardo.
Il compito ordinario dell’amministrazione comunale dovrebbe essere la cura quotidiana per i cittadini e per le loro esigenze, a partire dai più deboli (piccoli e anziani). Sentiamo invece, da ogni parte, numerosi appelli a buoni principi e buone intenzioni, ma, giunti a questo punto, noi di Azione faremmo volentieri a meno di generici appelli e slogan, in cambio di idee chiare e amministratori capaci.
Il programma che abbiamo stilato con Gilli e con gli altri alleati della coalizione s’incentra – in particolare – su 3 punti:

  1. investire sulla salute (a partire dall’ospedale, ma non solo);
  2. investire sull’educazione (a partire dalla scuola, ma non solo);
  3. riportare Saronno a essere un polo attrattivo e un punto di riferimento, forte, tra le altre cose, della sua offerta culturale, sportiva, commerciale, dei suoi spazi verdi attrezzati e delle sue vie ciclabili e pedonali”.
    In questo progetto di rilancio vediamo l’unica seria possibilità di riscatto per la nostra città oggi disponibile. Per questo i nostri 6 candidati sono inseriti nella lista “Italia Viva Azione +Europa”, a sostegno di Pierluigi Gilli.
    Il gruppo di Azione Saronno

Per maggiori informazioni:
Indirizzo email: gruppo@azionesaronno.it
Pagina Facebook: Saronno in Azione
Pagina Instagram: Azione Saronno

1 settembre 2020 – COMUNICATO STAMPA LEGA LOMBARDA SARONNO: Salvini a Saronno per Fagioli sindaco – la sezione di Saronno pienamente soddisfatta dell’evento

Comunicato Stampa n. 36/2020:
Dichiarazioni portavoce Lega Lombarda Saronno
Salvini a Saronno per Fagioli sindaco – la sezione di Saronno pienamente soddisfatta dell’evento
La Lega preferisce raccontare quanto realizzato in cinque anni e quanto propone per il futuro di Saronno
Saronno, 1 settembre 2020
Grande successo per la manifestazione di ieri che ha visto il comizio di Matteo Salvini a sostegno di Alessandro Fagioli, sindaco di Saronno.
Centinaia di persone sono accorse in Villa Gianetti per accogliere calorosamente Alessandro Fagioli e Matteo Salvini, collaborando con il Servizio interno e con le forze dell’ordine nel rispettare le norme di sicurezza anti covid, per la buona riuscita della manifestazione.
Una grande giornata che ha visto la nostra Saronno essere punto di ritrovo per i vertici del nostro partito e per i tanti candidati sindaco della Lega che dovranno affrontare l’imminente tornata elettorale, come per tanti compagni di avventura del centrodestra saronnese e provinciale.
Il deputato Matteo Bianchi dal palco ha dichiarato: «Saronno è la città più popolosa che va al voto in questa tornata elettorale nel Varesotto, non è un caso che siamo tutti qua ad aprire la campagna elettorale. La Lega da sempre punta sul contatto con la gente, sui Comuni. Io stesso ho fatto il sindaco, un passaggio fondamentale per formarsi. Onore a chi si mette in gioco».
Tutto questo è stato possibile grazie al lavoro encomiabile che Alessandro Fagioli ha fatto per la nostra amata città, un impegno fruttuoso riconosciuto dai più nonostante le maldicenze di pochi a cui è rimasto solo il livore come arma elettorale.
Infatti Attilio Fontana, presidente di regione Lombardia ha dichiarato dal palco: «Facciamo i complimenti a Fagioli, ha fatto un lavoro difficile, solo chi ha gli attributi può e sa farlo. Fagioli deve finire il suo lavoro con un secondo mandato.»
Lo stesso Matteo Salvini ha ringraziato Alessandro Fagioli, cogliendo il successo nell’obiettivo nevralgico che cinque anni fa ci eravamo dati come Lega al governo cittadino: la sicurezza. << Ringrazio il sindaco, l’amministrazione e la comunità di Saronno, perché dal primo giorno della sua elezione, Alessandro ha combattuto per riportare sicurezza in questa splendida città.>> e continua << Squadra che vince non si cambia>>.
Il nostro capitano non ha perso l’occasione per strappare qualche sorriso nel commentare una celebrità politica Saronnese, anch’ella impegnata nel sostegno di un candidato sindaco, che non perde occasione di ricalcare le orme comunicative del più celebre personaggio: <> sorride Salvini <>
<> insiste Salvini nel contestualizzare la campagna elettorale cittadina all’interno del quadro nazionale, e non perde occasione di ribadire l’anima della Lega, ricordando ai presenti che <> e per dipanare ogni chiacchera legata alle papabili future candidature per il sindaco di Varese, chiosa <> e chiude l’argomento <>.
In chiusura ricorda l’annosa questione dell’immigrazione clandestina e le furbizie dell’attuale ministro degli Interni, la quale dice Salvini<< sta preparando un’indicazione a tutte le prefetture italiane: non fare nulla fino al 20 settembre, dato che si vota in 7 regioni. Dal 22 settembre redistribuire i quasi 20.000 immigrati che sono sbarcati quest’anno, comune per comune, in tutta Italia. E’ per questo che scegliere il sindaco giusto fa la differenza, perché quando da Roma arriverà la telefonata, io voglio a Saronno un sindaco che dica ancora <<”No grazie! Per i clandestini a Saronno spazio non ce n’è”>>.
Marco Castelli
Responsabile Comunicazione
Lega Lombarda Saronno

31 agosto 2020 – Gianangelo Tosi : I miei cinque anni da assessore

I miei cinque anni da assessore
Sono stati cinque anni intensi, impegnativi, a volte faticosi ma certamente molto formativi e densi di soddisfazioni. Sebbene con riguardo a me si faccia per lo più riferimento ai Servizi Sociali, all’atto dell’insediamento di questa Amministrazione il Sindaco decise di affidarmi anche la delega agli affari generali, che comprende anche il personale, gli affari legali, l’anagrafe e i servizi cimiteriali, settori dell’amministrazione che richiedono, a loro volta, impegno, attenzione, e dedizione. In questo ambito mi sono occupato della modifica o della introduzione da zero di circa una ventina di regolamenti comunali, a partire, a titolo esemplificativo, da quello per le concessioni cimiteriali, passando per quello sul funzionamento del servizio legale del Comune, quello sulla trasparenza, quello sulla protezione dei dati, quello per l’alienazione di immobili, fino a quelli sul funzionamento dei Servizi Sociali, sulla conduzione del Consiglio Comunale ed allo Statuto comunale, ricordati per ultimi non in ordine cronologico ma di complessità ed importanza. Ancora in quest’ambito mi ha fatto particolarmente piacere essere riuscito, con la collaborazione dell’assessorato ai lavori pubblici, a far predisporre un’area cimiteriale dedicata ai feti abortivi non richiesti dalle famiglie, aderendo ad una proposta proveniente da un’associazione caritatevole di estrazione ecclesiastica. Sul fronte del personale, invece, la maggiore soddisfazione è quella di aver sostanzialmente riportato in Comune la “pace sindacale”, anche in virtù della tempestiva sottoscrizione dei rinnovi annuali del cosiddetto “contratto decentrato”.
E veniamo ai Servizi Sociali, intuitivamente la parte più complessa e impegnativa del mio lavoro assessorile ma, non c’è alcun dubbio, altrettanto coinvolgente e gratificante sul piano umano, soprattutto in virtù dianto ho potuto apprendere (e cercar di risolvere) dagli oltre cinquecento cittadini ricevuti in questi anni. In particolare gli utenti considerati più “difficili”, in relazione ai quali mi era stato consigliato di riceverli con la protezione della Polizia Locale o, addirittura, dei Carabinieri. Cosa che non ho mai fatto, cercando di trattare tutti quanti riconoscendo a ciascuno la medesima dignità. Ed instaurando proprio con quelli rapporti di assoluta cordialità. Ebbene: quando intrapresi lo svolgimento dell’incarico il servizio era privo di dirigenza da oltre sei mesi, affidato al coordinamento di un funzionario subissato di compiti, tra cui quello particolarmente gravoso di responsabile dell’Ufficio di Piano, cioè della parte tecnico operativa del “Ambito” dei servizi sociali, comprendente i Comuni di Caronno Pertusella, Cislago, Gerenzano, Origgio ed Uboldo, rimessi alla responsabilità politica della cosiddetta “Assemblea dei Sindaci”, organismo in realtà composto dagli assessori ai servizi sociali delle sei città, di cui, in qualità di assessore della città capofila, ho assunto la presidenza. E ne approfitto per ringraziare per la sempre fattiva e sintonica collaborazione i Colleghi che in questi anni hanno ricoperto il ruolo nelle proprie città. Dunque forse proprio a causa della prolungata assenza di un dirigente (prontamente nominato nel mese di settembre 2015, non appena iniziata l’effettiva operatività della Giunta) i Servizi erano percorsi da tensioni ed incomprensioni tra il personale e nei confronti di chi ne coordinava e gestiva l’organizzazione. Di concerto col neo dirigente, dunque, ho intrapreso una non facile opera di riorganizzazione e redistribuzione degli incarichi, introducendo il concetto di periodica turnazione di incarichi, mansioni, funzioni ed aree di intervento, nel rispetto delle professionalità di ciascuno, ed introducendo la cartella sociale informatizzata. Sul fronte degli interventi diretti a favore dei cittadini, la novità certamente più rilevante è stata l’ideazione dei cosiddetti “patti sociali”, in forza dei quali i cittadini che ricevono aiuti di natura economica, se in grado, si mettono a disposizione per lo svolgimento di attività socialmente utili, per lo più a supporto dei dipendenti comunali, venendo dotati di adeguate coperture assicurative. Ho promosso l’apertura di tre “sportelli badanti” in città, l’istituzione di due “tavoli di lavoro” tra le associazioni di volontariato operanti in città negli ambiti delle povertà e delle disabilità al fine di favorirne la collaborazione e prevenirne la sovrapposizione, tavoli da cui è nata l’iniziativa dell’apertura in Comune di un sportello di ascolto ed aiuto sui disagi psichici, ho portato a termine la prima azione di studio e prevenzione delle ludopatie, inziata dal precedente assessore, ed ho poi sviluppato la seconda all’esito della quale è stato pubblicato un opuscolo divulgativo di prossima distribuzione nelle scuole (in realtà avrebbe già dovuto esserlo ma la pandemia ha bloccato anche questa iniziativa), ho mantenuto e sviluppato la collaborazione con la maggior parte delle associazioni di volontariato presenti in Città (un ringraziamento particolare mi sia consentito a C.R.I. ed A.U.S.E.R., senza nulla togliere a nessuna delle altre che hanno cooperato con l’Amministrazione continuativamente ed a più riprese) e da ultimo, proprio nell’imminenza dello scoppio della pandemia, ho stipulato una convenzione con l’Ordine degli Avvocati di Busto Arsizio in virtù della quale, non appena tornati alla normalità, si aprirà lo “Sportello del cittadino” per l’orientamento nelle materie legali. Per il resto, grazie alla preziosissima opera di tutto il personale dei Servizi, abbiamo mano a mano adattato gli interventi a favore dei cittadini in difficoltà alle novità normative via via introdotte e agli strumenti economici messici di volta in volta a disposizione da Regione e Stato. Non meno coinvolgente sul piano umano, in questi cinque anni, è stata l’assunzione di incarichi in qualità di amministratore di sostegno o tutore di una decina di soggetti fragili, necessitanti di questa misura di aiuto.
Da ultimo devo ancora una volta ringraziare tutto il personale delle funzioni affidatemi per la collaborazione, per gli insegnamenti, per la disponibilità e la pazienza dimostratemi in questi cinque intensi anni.
E’ sulla scorta di questa esperienza, dunque, che ho deciso di rinnovare la mia candidatura, per poterla ulteriormente mettere a disposizione dei cittadini e della città stessa di Saronno.
Gianangelo Tosi – Fratelli d’Italia

31 agosto 2020 – OBIETTIVO SARONNO: Sulla petizione per salvaguardare il futuro dell’ospedale di Saronno

Ciao, oggi voglio parlarvi della petizione per salvaguardare il futuro dell’ospedale della nostra città, promossa e organizzata da Obiettivo Saronno.
L’idea della raccolta firme per l’ospedale è nata subito dopo il 4 Maggio (fase 2 Covid-19) da una richiesta di aiuto ricevuta dalle ostetriche dell’ospedale trasferite a Busto Arsizio durante l’emergenza e, ad oggi, non ancora rientrate a Saronno.
Questa petizione è nata da un esigenza concreta e dall’ascolto di cittadini in difficoltà e non a tavolino come strategia politica per la nostra campagna elettorale, come invece dichiarano i nostri avversari che hanno sicuramente più esperienza di noi nell’agire con queste modalità. Siamo consapevoli che le decisioni finali sul destino dell’ospedale sono di competenza della Regione Lombardia, tuttavia ci è stato chiesto di occuparcene come cittadini impegnati a fare del bene per la città: Obiettivo Saronno ha accolto la richiesta e la sta portando avanti con dedizione e impegno.
Lo scopo di questa importante iniziativa, unica nella storia cittadina recente e forse anche passata, è far sentire con forza la nostra voce e la petizione è uno strumento giuridico valido per portare una richiesta alle istituzioni competenti in materia.
A Ottobre il nuovo Sindaco di Saronno, forte delle firme raccolte che riceverà personalmente da noi, potrà consegnare le istanze dei cittadini saronnesi e non saronnesi, in Regione Lombardia, dove risiede la stanza del comando.
Siamo venuti a conoscenza che un’altra forza politica, che corre per le amministrative, ha lanciato, pochi giorni fa, una seconda petizione con il sostegno del Comitato per l’ospedale che, pur esistendo da anni, non si è mai fatto promotore di una iniziativa di questo tipo. Ci chiediamo: proprio adesso che è già attiva da settimane la stessa iniziativa? Troviamo questa mossa inefficace e soprattutto fonte di confusione per i cittadini. Nemmeno su un tema come la salvaguardia della salute, così importante e sopra le parti, la “politica” locale riesce a fare fronte comune?
È una vergogna, come pure è vergognoso che le forze politiche cittadine non aderiscano alla petizione e ribadisco, senza alterigia, “vergognoso”. I candidati Sindaco e i candidati consiglieri non stanno facendo una “bella figura” agli occhi dei cittadini perché danno prova di preferire essere contro l’iniziativa dell’avversario piuttosto che essere a favore della salvaguardia del bene dei cittadini. Adesso i candidati sono semplici cittadini, per questo l’invito è di fare quello che possono fare come tutti: firmare la petizione. Chi diventerà sindaco avrà poi l’onere e l’onore di farsi portavoce. Io mi sarei comportata in questo modo.
Invito perciò nuovamente tutti i candidati sindaco per Saronno e i candidati consiglieri, tutte le forze politiche e tutti i Sindaci dei Comuni limitrofi a firmare la petizione per salvare l’ospedale.
I cittadini hanno capito la bontà e il valore dell’iniziativa e stanno aderendo con entusiasmo e speranza. Anche molte attività commerciali si sono messe a disposizione per raccogliere le firme: fra tutti i fogli firma consegnati in città ad oggi abbiamo raccolto circa 1600 firme.
Confidiamo con il rientro a Settembre di continuare a pieno ritmo la raccolta.
Con la salute non si scherza, vieni a firmare anche tu! Ti aspetto.

30 agosto 2020 – Relazione dell’Assessorato Miglino


“Di una città non godi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che dà a una tua domanda. O la domanda che ti pone obbligando a rispondere.”
-Italo Calvino-
Molto spesso in questi due anni mi è tornata alla mente questa frase. Ogni volta che in ufficio #Cultura ci siamo chiesti cosa potessimo proporre, in ufficio #Istruzione come potessimo intervenire, in ufficio #PariOpportunità come fare per essere più incisivi e in ufficio #PoliticheGiovanili come “incontrare” le esigenze dei nostri giovani.
🔴E allora, cominciando dalla Cultura, in occasione degli anniversari di Leonardo per i 500 anni dalla morte e di Leopardi per i 200 anni dalla composizione de “L’Infinito”, i nostri concerti, le conferenze, gli incontri nelle scuole, hanno incontrato grande favore della cittadinanza che ha apprezzato gli appuntamenti mensili nei diversi luoghi della città. In molti di questi appuntamenti le associazioni cittadine ci hanno supportato e hanno collaborato con noi anche nell’ottica della valorizzazione delle realtà culturali locali per contribuire positivamente alla diffusione della cultura e dei luoghi della città.
🔴Anche le due rassegne musicali proposte in Villa Gianetti hanno incontrato un grande favore di pubblico e sono state organizzate coinvolgendo le Scuole di Musica cittadine, i loro allievi e i loro professionisti. I 16 concerti in Villa sono diventati appuntamenti fissi molto attesi.
Abbiamo cercato di valorizzare la musica perché sappiamo bene che la musica aiuta a sviluppare il pensiero creativo, insegna a esprimere i sentimenti. Nei ragazzi potenzia lo sviluppo cognitivo, favorisce il ragionamento matematico, la logica e il pensiero multiplo. La musica incrementa le competenze linguistiche, sviluppa le capacità di ascolto e di riflessione, migliora la capacità di comunicazione. La musica insegna disciplina e responsabilità, migliora l’autostima e promuove la crescita personale.
Suonare in pubblico permette, inoltre, di affrontare le proprie paure e di combattere l’ansia da prestazione. Per tutti questi motivi, ho apprezzato molto che le scuole cittadine abbiano accolto favorevolmente la proposta dell’Amministrazione.
La rassegna “Scuole di Musica in Concerto” ha coinvolto centinaia di ragazzi e le loro famiglie che, in appuntamenti mensili, al mattino della domenica, si sono alternate in Villa Gianetti.
“Note in Villa” è la rassegna serale che ha visto il via a Ottobre 2018 e sempre a cadenza mensile, ha dato l’opportunità di ascoltare i “maestri”, i professionisti e gli interpreti, che si sono esibiti in un ricco programma.
🔴In questi due anni, diversi sono stati anche gli “incontri con l’autore” con la presentazione dei rispettivi libri. Gianrico Carofiglio e Nicoletta Bortolotti, per citarne alcuni.
🔴Nel Luglio 2018 sono ricominciate anche le proiezioni cinematografiche del “Cinema sotto le Stelle” nel cortile di Casa Morandi che hanno visto un grande riscontro di pubblico in entrambe le stagioni. L’avvio della nuova convenzione sulla gestione del cortile e del giardino, firmata ad Aprile 2018, ha permesso interessanti collaborazioni con la Fondazione Pasta proponendo per la prima volta una “gestione estiva” del complesso di Casa Morandi.
🔴L’ evento “Saronno Rock ‘n beer” nel luglio 2019 ha fatto da catalizzatore di centinaia di ragazzi.
🔴Ma di certo l’evento più importante per numero di partecipanti e rilievo internazionale è stato il primo Concorso Lirico Internazionale, espressione vera e compiuta dell’impegno dell’amministrazione nel valorizzare i talenti anche nell’ottica della promozione delle realtà culturali legate al territorio.
🔴In questa ottica abbiamo accolto la donazione della Collezione Cavallari composta da oltre 600 pezzi per un valore di circa 250.000 euro che verrà esposta in un percorso museale in Villa Gianetti. Il nome di Giuditta Pasta, la più grande soprano del diciannovesimo secolo, sarà per sempre ricordato nella sua città natale, che in questo modo custodirà per sempre tutto ciò che alla soprano è appartenuto.
🔴Con la concessione di tantissimi patrocini e con la collaborazione fattiva ed economica abbiamo inoltre contribuito a realizzare tantissimi eventi come la “Festa della Ceramica” che ha dato lustro al Museo cittadino dedicato proprio alla ceramica. In occasione di “Diritti in gioco”, appuntamento ormai trentennale dedicato ai diritti dell’infanzia, abbiamo realizzato un evento al “Mils” -Museo delle Industrie e del Lavoro saronnese- che ha visto la partecipazione di nonni e bambini.
🔴Le tante associazioni culturali, di volontariato, d’arma, sono una preziosissima risorsa per la nostra città. Le idee e le richieste di supporto nella concreta realizzazione delle loro proposte sono sempre accolte con favore dall’amministrazione.
Con “La Festa delle Associazioni, si mette in piazza la vita dell’associazionismo saronnese come realtà di aggregazione, ricchezza e memoria della tradizione.
🔴Rivolgendomi alle Scuole sono orgogliosa di poter affermare che, con l’aiuto degli Uffici, abbiamo, per la prima volta dopo più di 10 anni, strutturato l’”Intervento sul Diritto allo studio” che prevede la razionalizzazione del contributo comunale alle scuole in base a esigenze specifiche e a valutazioni ponderate per la distribuzione delle risorse comunali destinate al diritto stesso, per l’acquisto di beni funzionali e per la suddivisione delle ore degli educatori dell’Istituzione Zerbi.
Per le mense, dal primo dicembre, è attivo il nuovo capitolato con un nuovo appalto che prevede una maggiore qualità dei cibi e un maggiore controllo. Sono stati previsti anche nuovi controlli di qualità e nuove gestioni anche della mensa degli Asili Nido Comunali.
🔴Il tema delle Pari Opportunità è sempre molto delicato. Sulla violenza di genere, sulla discriminazione tra i sessi in ambito lavorativo e sociale molto è stato fatto, molto ancora c’è da fare. Nell’ambito del contrasto alla violenza di genere, una forte collaborazione con le Forze dell’Ordine e Rete Rosa, che è anche centro antiviolenza, permette un controllo sempre attivo sul territorio e la realizzazione di iniziative che vanno a sostegno delle fasce più deboli.
Oltre ai preziosi momenti dedicati al contrasto della violenza sulle donne che hanno visto il coinvolgimento di tutti i soggetti impegnati sul territorio in questo ambito, molto apprezzato è stata anche la Giornata di Formazione rivolta ai soggetti in ogni modo coinvolti: assistenti sociali, personale medico, forze dell’Ordine, avvocati, assistenti e volontari di Rete Rosa. A Rete Rosa, per il suo impegno sul territorio è stato anche riconosciuto per la prima volta, un contributo economico significativo.
La realizzazione del primo Portale “help donna”, rivolto ad operatori e alle donne in difficoltà, ha reso tutti molto orgogliosi per il concreto impegno profuso.
🔴Una città che non si rivolge ai giovani non ha futuro. Ai giovani ho pensato spessissimo in questi due anni. Ho incontrato più volte i ragazzi del Forum degli Studenti e insieme abbiamo cercato soluzioni che rispondessero alle loro esigenze. La Biblioteca non sempre riusciva ad accogliere tutti, soprattutto nei mesi dell’anno dedicati alle sessioni d’esame, le soluzioni proposte e accolte sono state sempre provvisorie. Lo Spazio aggregativo Anteprima in questi anni è stato inutilizzabile perché oggetto di riqualificazione. L’impegno in un nuovo utilizzo dello stesso, appena terminati i lavori di riassetto dell’edificio e dell’intera area, è stato più volte ribadito. Una zona dedicata allo studio farà sì che si possa andare incontro pienamente alle esigenze degli studenti.
La volontà di sostenere i giovani nella realizzazione dei loro progetti con una collaborazione fattiva, come è stato già detto, è sempre stato l’obiettivo che l’Assessorato ha cercato di realizzare.
 
🔴Quella che vi ho descritto fin qui è stata una concisa e velocissima carrellata di quanto realizzato nella casa comunale e proposto in città, per le mie deleghe.
Ognuna di queste iniziative ha richiesto ore e giorni, alcune mesi interi, per la realizzazione. Molte di queste iniziative sono state accompagnate da lettere (ai genitori, ai ragazzi) con indicazioni e suggerimenti nei casi specifici.
Altre sono state precedute da approfondimenti, interviste alla stampa e conferenze stampa, come ad esempio per la Giornata della Memoria, il Giorno del Ricordo, la presentazione del Piano di Diritto allo Studio, l’Anniversario della fine della Prima Guerra Mondiale e per tutti gli eventi che ho citato sopra o anche per quelli ai quali abbiamo concesso soltanto il patrocinio.
Sono state nelle scuole, ho parlato di adolescenza, dei giovani e del patto educativo con gli argomenti che ho raccolto in questo mio saggio.
🔴🔴E così, tornando alle due domande poste in cima al paragrafo e tratte dalla citazione di Calvino, potrei rispondere: “parlano i fatti”.
🔷Tantissime cose abbiamo progettato e molte le abbiamo portate a termine, con quel lavoro e quella fatica organizzativa, burocratica e ideativa che solo chi ha lavorato in Comune o al Comune ha deciso di regalare tempo e voglia di fare, può capire.
🔷In questi anni ho capito che è sempre molto facile criticare, pensare di avere per ogni cosa la soluzione, quando mai si è stati chiamati a guidare realmente la macchina comunale.
🔷Ho capito che le cose si possono fare in tanti modi ma per farle bene o comunque al meglio delle proprie capacità, bisogna investire tutto il proprio tempo e condirlo con una dose enorme di passione, nella consapevolezza che mai nulla piacerà del tutto ai tuoi avversari politici e che tutti amano indossare con grande soddisfazione la maglia dell’”allenatore” e del “giudice”.
🔷Ringrazio il Sindaco Alessandro Fagioli per l’opportunità che mi ha dato e la fiducia che ha riposto in me. 
🔹Ringrazio il mio partito Forza Italia per avermi sempre appoggiato e condiviso le mie iniziative. 
Sono convinta che, tornando indietro a quel 26 Marzo 2018, accetterei nuovamente l’incarico assessorile, rifarei ogni cosa, prenderei le stesse decisioni, nonostante per alcune non abbia dormito intere notti, nonostante alcuni mi abbiano ferito. 
Rifarei ogni cosa perché quest’esperienza mi ha arricchito, perché sono state tantissime le testimonianze di affetto e di stima di quanti in questi anni ho conosciuto.
🔷In conclusione, posso dire che tante cose rimangono ancora da fare, 5 anni di lavoro non sono pochi ma 10 sono un percorso di vita.
Saronno è una promessa che va mantenuta.
Saronno è un viaggio, un viaggio che ci auguriamo duri 10 anni.
 
 
 
Mariassunta
 

30 agosto 2020 – Rinascimento Culturale per Saronno , è giunta l’ora

Rinascimento Culturale per Saronno , è giunta l’ora
Il programma di coalizione del candidato sindaco Augusto Airoldi è il frutto di un percorso partecipato attraverso i vari gruppi tematici. Mauro Rotondi del direttivo PD e candidato ha diretto i lavori del gruppo Cultura, Giovani e Sport. Gli abbiamo chiesto di illustrarci il progetto.
Mauro Rotondi, può raccontaci come è nata questa esperienza?
E’ stato un momento di vera partecipazione nel rispetto delle normative anticovid. Abbiamo fatto appello ad associazioni culturali/artistiche cittadine, professionisti di settore e sostenitori della coalizione interessati al tema: le adesioni sono state numerose, con il giusto mix tra giovani e adulti. Ognuno ha condiviso vissuti e riflessioni dando il proprio contributo, personalmente ho messo a disposizione esperienze in tema di creazione di reti e sviluppo di pratiche virtuose acquisite altrove. Occorreva portare una proposta condivisa e la risposta è stata all’altezza: sono soddisfatto.
Come valuta lo stato attuale di cultura e sport a Saronno alla luce dei lavori?
Per lo Sport si sopravvive, c’è molto da fare e migliorare. La Cultura invece è in un stato di sonno. Saronno, è un dato di fatto, non ha certo brillato in questi anni. Non si tratta di giudizi su singole iniziative o incarichi: manca una visione d’insieme, le proposte attuali sono limitate in quantità e qualità e gli spazi sotto utilizzati. Quando le idee non circolano si imbrigliano le energie e i fruitori si rivolgono altrove. Se alle 7 di ogni sera non vogliamo vedere la solita desolazione occorre un’inversione di marcia, un nuovo modo di coinvolgere.
Come avete lavorato nella costruzione del progetto?
Si è svolto In tre fasi. All’inizio abbiamo eseguito una vera e propria mappatura dello stato del settore considerando operatori, settori e spazi; successivamente abbiamo iniziato a individuare una visione e un obiettivo comune confrontandoci con modelli funzionanti e buone pratiche di altre città valutandone pro e contro; dopodiché abbiamo elaborato e prodotto un piano concreto di sviluppo
Quali sono i punti più rilevanti emersi?
Per prima cosa la visione d’insieme, individuata nella sostenibilità ambientale. Il motivo è presto detto: con un primato che la colloca tra le città più inquinate d’Europa, ci immaginiamo una Saronno che trascende il proprio punto debole per farne un punto di forza, trasformandosi e percorrendo una rinascita culturale legata alla sensibilità ambientale, al miglioramento della qualità dell’aria, a un nuovo modo di vivere e produrre. Inoltre, l’invidiabile posizione geografica e l’ampia ricchezza di storia e arte della città può trovare sviluppi attraverso un posizionamento nelle mete del turismo sostenibile/culturale/artistico/religioso. Occorre pertanto far crescere questa sensibilità e aderire fin da subito a iniziative già in essere, specie a Milano ma anche altrove in settori quali teatro, musica giovanile, filosofia, letteratura, danza, pittura etc; eventi da agganciare e portare qui. Una volta cresciuti potremmo pensare a creare un nostro festival permanente delle arti. Le locations per ospitare eventi non mancano certo: oltre ai tradizionali luoghi (Villa Gianetti, area Teatro-Biblioteca, Museo Industria) pensiamo a una Factory al Quartiere Matteotti presso l’ex villaggio Tam Tam, opera ancora incompiuta. Ma anche a strade, piazze e a collaborazioni con spazi privati, oltre all’area industriale Isotta Fraschini.
Infine una tua previsione, come vedi la cultura a Saronno nel prossimo futuro?
La rinascita può avvenire anche qui come già successo in altre città. Il cambiamento però va stimolato, soprattutto grazie ai giovani. In ogni epoca sono i giovani a cambiare la mentalità della società. Generare vita e progettualità significa creare terreno fertile per la creatività, la qualità delle proposte è poi una diretta conseguenza. Saronno, con le numerose scuole superiori e associazioni ha potenzialità notevoli. I giovani devono tornare protagonisti della cultura e gli spazi pubblici vivere per tutto l’anno. Di questo siamo fiduciosi, anche perché Saronno presenta già risorse professionali di alto livello in diversi campi artistici, un capitale umano da coinvolgere. Molti di loro hanno aderito al nostro gruppo e ne siamo felici. Messi insieme in squadra potranno fare solo buone cose

30 agosto 2020 – Sono orgogliosa di presentare il programma amministrativo di Obiettivo Saronno per la città e i suoi cittadini, programma a cui lavoriamo da più di due anni insieme a loro, …

Sono orgogliosa di presentare il programma amministrativo di Obiettivo Saronno per la città e i suoi cittadini, programma a cui lavoriamo da più di due anni insieme a loro, incontrandoli di persona prima dell’emergenza sanitaria e poi in videoconferenza tutte le settimane durante il lockdown.
Il programma è stato depositato con la lista dei candidati consiglieri comunali il 21 Agosto e da allora è consultabile sul nostro sito ufficiale al link: https://obiettivosaronno.it/elezioni-2020/
È disponibile nella versione completa e nella versione Programma in pillole che riassume le nostre priorità per Saronno: per ogni punto abbiamo descritto cosa vogliamo attuare e come vogliamo realizzarlo, con quali risorse. Un piccolo excursus:
UFFICIO BANDI: le risorse finanziarie, erogate dallo Stato agli Enti locali, sono sempre più esigue. Uno strumento utile per finanziare piccoli e grandi progetti per la città è la partecipazione ai bandi pubblici. Realizzeremo, perciò, all’interno del Comune un Ufficio Bandi costituito da persone opportunamente formate che si occuperanno di individuare, partecipare, gestire e rendicontare in modo strutturato bandi regionali, nazionali ed europei.
COMMERCIO: L’Ufficio Bandi si occuperà anche di aiutare le realtà cittadine come le Associazioni, le Startup, le PMI e le attività commerciali e produttive, nella segnalazione e applicazione ai bandi che si presenteranno per loro. Uno Sportello apposito per i commercianti li aiuterà a gestire le innumerevoli pratiche burocratiche, nell’ottica della semplificazione, necessarie per aprire e mantenere una nuova attività. Il rilancio del commercio di prossimità avverrà anche eliminando la TOSAP per i primi due anni di mandato e attraverso la detassazione parziale e progressiva delle imposte comunali per coloro che decideranno di aprire una nuova attività. Tutto ciò utilizzando i fondi statali covid.
CITTA’ METROPOLITANA: Saronno è molto legata a Milano e poco a Varese che non la considera più di tanto. Molti sono i vantaggi che avrebbe Saronno se appartenesse alla Città metropolitana di Milano fra cui l’erogazione di maggiori fondi sociali, fondi per la digitalizzazione delle scuole e per la mobilità sostenibile. Avvieremo pertanto la procedura per far si che ciò avvenga con la volontà di preservare le radici storiche e culturali di Saronno
SCUOLA: Interverremo con progetti di manutenzione ordinaria e straordinaria sugli edifici scolastici e ci impegneremo da subito a collaborare con le istituzioni scolastiche per garantire lo svolgimento di un anno scolastico completo con azioni mirate i:
Una formazione efficace per gli insegnanti e i genitori sulla prevenzione responsabile al rischio COVID19.
Interventi di edilizia leggera per adeguare spazi e aule allo scopo di garantire il distanziamento sociale nel rispetto delle norme anti covid, in accordo con i Dirigenti Scolastici e utilizzando i fondi europei (130.000 euro) già disponibili per il Comune di Saronno.
Istituiremo tavoli di lavoro con le figure di riferimento – Dirigenti scolastici, Presidenti dei Consigli d’istituto e Presidenti dei Comitati genitori – per un confronto continuo e tempestivo sulle problematiche e sulle proposte di miglioramento.
AREA EX ISOTTA FRASCHINI: supporteremo la riqualificazione dell’ex area Isotta Fraschini secondo il progetto che ci ha prospettato il nuovo proprietario: un Campus universitario con un ampio spazio verde che supera la superficie degli spazi edificati, un piano urbanistico di ricongiungimento della zona Matteotti alla città; un progetto che, una volta realizzato, sarà donato ai cittadini come Bene Comune.
PALAZZO VISCONTI: un patrimonio comunale di valore storico e artistico abbandonato a se stesso da quindici anni, per il Palazzo proponiamo la completa riqualificazione utilizzando uno specifico bando di Fondazione Cariplo che stanzia fondi a copertura del 70% dell’investimento, per progetti prevalentemente culturali, in partnership con i privati, di cui si dimostri la sostenibilità nel tempo.
Abbiamo poi numerosi progetti per tutte le Zone della città come la riprogettazione del trasporto pubblico urbano con la nuova linea Circolare green, la riqualificazione dei parchi gioco e dei giardini pubblici, la sicurezza con interventi in tempo reale, il decoro urbano, progetti che vi invitiamo a leggere sul nostro sito web: https://obiettivosaronno.it/elezioni-2020/
Crediamo che il rilancio di una città avvenga costruendo, o meglio nel caso di Saronno, ricostruendo una sua identità culturale: Obiettivo Saronno ha individuato questa identità nella Città degli Amaretti, simbolo di ricoscimento in tutto il mondo. I nostri progetti ruoteranno intorno a questa definizione.
Vota Obiettivo Saronno, LA lista civica indipendente #noisiamolalernativa