16 settembre 2021 -dal comitato di volontari “ La Fenice” : C’era una volta la Stramatteotti, che non era una semplice camminata amatoriale, ma era il …




C’era una volta la Stramatteotti, che non era una semplice camminata amatoriale, ma era il simbolo di orgoglio e di appartenenza ad un quartiere che non accettava di essere considerato “la periferia malfamata di Saronno”. Era un evento in cui contava poco arrivare primi perchè l’importante era dimostrare che anche il rione era in grado di creare qualcosa di bello, con il folklore e l’allegria che da sempre lo caratterizzano: c’era chi provava simpaticamente ad imbrogliare evitando i checkpoint, chi percorreva il tracciato con lo skateboard, c’erano anziane signore che durante la camminata discutevano del sugo che avrebbero cucinato a pranzo, chi iscriveva il proprio figlio neonato e chi il nonno anziano. Era una festa in cui contava solo divertirsi.
Con lo stesso spirito il nuovo comitato di volontari “La Fenice” ne sta programmando la diciottesima edizione. La corsa avrà luogo il giorno 10 ottobre dalle ore 10.00. Si partirà dal Centro Sportivo di Via Sampietro, proseguendo per un tracciato di quasi cinque chilometri che attraverserà le arterie principali del quartiere e arriverà all’Oratorio San Giuseppe.
L’edizione di quest’anno sarà “pet friendly”: Oltre alle premiazioni per il concorrente più giovane, quello più anziano e per il gruppo più numeroso, già presenti nelle precedenti edizioni, ci sarà la possibilità di iscrivere il proprio animale domestico, che dovrà essere tenuto al guinzaglio o nel trasportino sotto la responsabilità del padrone.
Un’attenzione particolare verrà dedicata anche alle persone con disabilità motoria che avranno a disposizione un percorso agevolato, alternativo al percorso classico, leggermente più breve e senza strade sterrate.
L’iscrizione avrà il costo simbolico di 5 euro e ci sarà la possibilità di usufruire di un biglietto ridotto (3 euro) per l’iscrizione di bimbi sotto i dieci anni, adulti over 65, persone con disabilità e animali domestici al guinzaglio o nel trasportino.
Sarà possibile iscriversi dalle ore 9.00 presso il campo sportivo oppure sarà possibile effettuare la preiscrizione per gruppi anche on line mandando una mail a vittorio.calzari@libero.it
Per garantire il rispetto delle norme anti covid sarà obbligatorio il greenpass oppure un tampone eseguito entro 48 ore dall’inizio dell’evento.
Il patrocinio comunale e il nulla osta della Polizia Locale sono già arrivati e alcuni sponsor (Banco di Credito Cooperativo, Fisioterapia S.G. Bosco, ATS SRL, Running Saronno, CLS Sport, Ferrario Assicurazioni, Centro Fusetti, FBC Saronno, ilSaronno) si sono già attivati ma essendo il comitato di volontari appena nato e con poche risorse, chi volesse potrà comunque contribuire a finanziare l’evento anche con piccole cifre (mandando una mail a vittorio.calzari@libero.it verrà spiegato come fare).

Il comitato di volontari “ La Fenice” Vi aspetta numerosi il 10 ottobre alla diciottesima edizione della STRAMATTEOTTI!

14 settembre 2021 – Da Lega Lombarda: «Il nuovo e inutile PGT»





Comunicato Stampa n. 109/2021:
«Il nuovo e inutile PGT»
Saronno 14 Settembre 2021

Si apprende che l’attuale amministrazione, gemella di quell’amministrazione che lo approvò nel 2013, intende delineare un nuovo Piano di Governo del Territorio in grado di essere maggiormente capace di rispondere alle varie necessità. L’attuale amministrazione ritiene che il PGT saronnese sia distante dalle necessità urbanistiche della Città e non più in grado si rispondere alle esigenze di sviluppo sociale ed economico del territorio.
In effetti una tale visione dell’attuale strumento urbanistico è stata sostenuta più volte dalla Lega, la quale lo ha ritenuto inadeguato fin dall’inizio.
Tuttavia il tentativo messo in atto dall’attuale amministrazione di delineare, o meglio abbozzare, alcune idee allo scopo di rendere più aderente alle reali esigenze lo strumento urbanistico si è rivelato maldestro. E’ infatti inutile realizzare l’ennesima mappatura e classificazione degli edifici cittadini: le caratteristiche urbanistiche ed edilizie del territorio sono arcinote! E’ invece necessario fornire a saronnesi concrete proposte grazie alle quali la città possa crescere dal punto di vista sociale ed economico. All’attuale Amministrazione comunale viene richiesto un doveroso sforzo per far sì che tali concrete proposte siano diversificate così da soddisfare le necessità di tutti, accantonando almeno per una volta l’ideologia che caratterizza l’odierno governo cittadino.
Va poi rimarcato il fatto che la pianificazione e realizzazione di un nuovo Piano di Governo del Territorio implica studi, proposte ed il coinvolgimento di professionisti che hanno un notevole costo. E’ ancora vivo il ricordo delle parecchie centinaia di migliaia di Euro spesi dal Comune di Saronno (e dunque dai cittadini saronnesi) per la formulazione del PGT del 2013 attualmente in vigore.
In una situazione economica come l’attuale, dove cittadini ed imprese sono piegati dalla pandemia, appare anacronistico destinare parecchi quattrini alla realizzazione del nuovo PGT. A maggior ragione ciò appare fuori luogo se si considera che le storture dello strumento urbanistico possono essere prontamente corrette coinvolgendo il Consiglio Comunale tramite lo strumento della variante urbanistica.
L’ingente quantità di danaro così risparmiato potrebbe allora essere investito dal Comune di Saronno in modo più proficuo destinandolo ai saronnesi in difficoltà e sopratutto alle imprese in difficoltà, le quali ben sappiamo sono lo strumento principale per creare benessere e per restituire dignità a coloro che oggi sono nelle ristrettezze.
Lucia Castelli
Lega Lombarda Saronno

13 settembre 2021: da teatro Giuditta Pasta: Tanta comicità, musica, divertimento per una ripartenza in leggerezza: è questa la formula del Teatro Giuditta Pasta di Saronno


 
Tanta comicità, musica, divertimento per una ripartenza in leggerezza: è questa la formula del Teatro Giuditta Pasta di Saronno
 
È sempre una grande emozione presentare una nuova Stagione Teatrale. Quest’anno lo è ancora di più. La chiusura forzata, la pandemia e questo stato di emergenza non ancora risolto ci fanno vivere tutto con un sapore diverso.
 
«Siamo in guerra»: è il 17 marzo 2020, e il Presidente del Consiglio così si esprime nel momento più “caldo” dell’epidemia da Covid-19 che ha colpito il mondo.
Dal presidente statunitense, al governatore di New York, passando per il primo ministro inglese: per tutti si trattava di trovare le “armi” per “combattere” e vincere il nuovo “nemico”.
 
L’epidemia di COVID-19, con il suo carico di minacce e incertezze, non sfugge a tutto questo e il linguaggio scelto per raccontarla ha un ruolo cruciale nell’orientare il nostro modo di pensare e agire nell’emergenza.
 
Ma ora vogliamo guardare avanti, vogliamo pensare ad un futuro di pace e serenità.
 
Per questo motivo abbiamo scelto la GRU come immagine coordinata dei nostri materiali editoriali. La gru è da sempre un simbolo di pace. In Giappone, gli origami della gru vengono regalati per augurare salute, felicità, benessere e prosperità ad una persona cara.
 
È con questo augurio e con questa speranza che vogliamo aprire la Stagione 2022 del Teatro Giuditta Pasta.
 
Lasciarsi alle spalle giorni i più difficili, guardando avanti con fiducia è l’intento con cui Oscar Masciadri, presidente della Fondazione, ha impostato questa nuova, lunga Stagione di teatro, costellata di grandi titoli, grandi interpreti, grandi registi. Una programmazione che in parte recupera spettacoli che la pandemia ha costretto a sospendere e rimandare, e in parte si arricchisce di nuove proposte, altrettanto importanti. Al centro c’è il ritorno del grande assente di questo anno e mezzo, il pubblico.
 
La stagione 2021/2022 al Teatro di Saronno è ricca di novità che spaziano dalla prosa alla danza, dalla musica alla comicità, dal musical al teatro civile. Diciotto titoli che toccano i diversi linguaggi dello spettacolo dal vivo: la parola d’ordine è contaminazione.
 
«Il Pasta è ormai identificato a tutti gli effetti come il principale polo culturale della città e del territorio che lo circonda – spiega il Presidente Oscar Masciadri – una “mission” che nel tempo ci ha visti sempre in prima linea per accompagnare il pubblico lungo tutto l’arco dell’anno. L’inserimento di un ampio numero di appuntamenti risponde ad una duplice esigenza: quella di offrire al pubblico una grande varietà di proposte, e venire così incontro alla molteplicità delle attese e delle sensibilità del nostro pubblico, e, insieme, consolidare la nostra capacità di attrazione verso chi risiede nei territori limitrofi. È un programma di altissima qualità, sia per gli artisti coinvolti che per i temi trattati».
 
Sul palcoscenico del Giuditta Pasta ancora nomi illustri della prosa e della musica, ma anche il ritorno della grande danza e il rinnovo degli appuntamenti per i più giovani: una programmazione ricca e variegata, costellata anche da percorsi interni al cartellone che tratteggiano peculiari e omogenee proposte tematiche e affini suggestioni artistico-culturali.
Il compito di inaugurare il cartellone spetta proprio alla danza, il 10 dicembre, con BOOMERANG. Gli illusionisti della danza della RBR Dance Company diretti da Cristiano Fagioli presentano la loro ultima produzione. Un viaggio onirico che inizia con la comparsa della vita sulla terra, la nascita dell’uomo e che si sviluppa poi in tre ambienti diversi ma tra loro collegati dalla presenza, diretta o indiretta, del genere umano.
 
Ritorna anche l’immancabile appuntamento con Elena D’Angelo per la notte di San Silvestro. Questa volta con lei sul palco un grande Max Pisu. Con SING SING SWING in programma il 31 dicembre, ripercorriamo gli anni d’oro dello swing in Italia. Una carrellata di successi da Baciami piccina sulla bocca, a Bacio a Mezzanotte, da Night and day a Moonlight serenade, lo spettacolo si snoda con un ritmo veloce tra le note della Little Big Orchestra e la voce di Elena D’Angelo e Matteo Mazzoli.
 
Salutiamo il nuovo anno con il musical cult HAIR (sabato 8 gennaio) prodotto da MTS Entertainment, un’eccellenza in questo campo. Con il suo folto cast, le musiche eseguite dal vivo, le coinvolgenti coreografie, il libretto in italiano ma le canzoni in lingua originale e la trasgressione irriverente dei sui contenuti, coinvolgerà ancora le platee dopo oltre 50 anni dal suo debutto a Broadway.
 
Se la danza e la musica sono state le protagoniste di questi primi appuntamenti di stagione, cambiamo registro con Giovanni Vernia che con lo spettacolo VERNIA O NON VERNIA (venerdì 14 gennaio) apre il cartellone del Variety. Uno showman completo che spazia con disinvoltura da racconto alla parodia, dal canto al ballo, creando con il pubblico un rapporto unico e coinvolgente.
 
Con BUONI DA MORIRE (15-16 gennaio) si apre la stagione di Prosa. Tornano a Saronno due interpreti molto amati dal nostro pubblico: Debora Caprioglio e Pino Quartullo in una commedia frizzante e ricca di equivoci, magistralmente diretti da Emilio Solfrizzi. Una coppia borghese intrappolata in rapporto a due ormai stanco e annoiato dopo una notte passata a far del volontariato indagano sul senso della vita e su ciò che forse avremmo dovuto e magari voluto donare al prossimo. Ma il mattino seguente la dura realtà busserà alla loro porta …
 
La prima parte della Stagione di Teatro Civile è dedicata a coloro che hanno perseguito con coraggio i loro ideali mettendosi al servizio del prossimo e delle istituzioni, arrivando a sacrificare anche la loro stessa vita. È proprio il coraggio a spingere, nonostante la paura, questi uomini a compiere fino in fondo il loro dovere.
 
Il 28 gennaio primo appuntamento con PERLASCA – Il coraggio di dire no. Un racconto affascinante, travolgente e commovente della vita di questo eroe, definito un giusto tra le nazioni. Un uomo semplice che durante il secondo conflitto mondiale fingendosi console generale spagnolo salvò la vita di oltre cinquemila ebrei ungheresi, strappandoli alla deportazione nazista e alla Shoah.
 
La vita di BORSELLINO è in scena nello spettacolo omonimo giovedì 24 febbraio. Lo spettacolo vuole raccontare la vita del magistrato attraverso la descrizione dell’uomo Paolo, un uomo tutto d’un pezzo, un uomo che non accetta compromessi, un uomo dal forte rigore morale, un uomo semplice diventato eroe, il cui lavoro però non è ancora finito.  È una storia di parole, fatti, speranze, delusioni, numeri. Per continuare a lottare.
 
Lo spettacolo ALDO MORO: una vita per la democrazia compiuta (16 marzo) è nato da un’accurata ricerca tra i documenti e gli scritti dello statista pugliese. L’idea che ha ispirato questo lavoro è stata quella di seguire l’iter umano e politico di Aldo Moro non soffermandosi esclusivamente sulla sua tragica e nota fine ma ripercorrendo anche gli inizi, rievocando i luoghi e gli ambienti in cui è avvenuta la sua formazione intellettuale, umana e spirituale, che lo ha portato a concepire una visione di futuro, costruendo un laboratorio politico in cui le parole chiave erano: dialogo, ascolto, inclusione, democrazia, partecipazione, bene comune.
 
Evento speciale imperdibile della Stagione 2022 è quello con ELIO che con CI VUOLE ORECCHIO (29-30 gennaio) canta e recita Enzo Jannacci. Sul palco, insieme a Elio, cinque musicisti, i suoi stravaganti compagni di viaggio, che formeranno un’insolita e bizzarra carovana sonora. A loro toccherà il compito di accompagnare lo scoppiettante confronto tra due saltimbanchi della musica alle prese con un repertorio umano e musicale sconfinato e irripetibile. Uno spettacolo giocoso e profondo perché “chi non ride non è una persona seria”.
 
Musica e risate protagoniste con gli amatissimi OBLIVION nel nuovo spettacolo OBLIVION RHAPSODY (11 febbraio). Uno show per festeggiare l’anniversario dei primi dieci anni di tournée insieme. In piena crisi di mezza età i cinque rigorosi cialtroni sfidano sé stessi con un’inedita e sorprendente versione acustica della loro opera omnia. Uno spettacolo che toglie tutti i paracadute per arrivare all’essenza dell’idiozia: cinque voci, una chitarra, un cazzotto e miliardi di parole, suoni e note scomposti e ricomposti a prendere nuova vita.
 
Ritorniamo alla prosa con Corrado D’Elia in IO, VINCENT VAN GOGH (5-6 marzo), un racconto che è un autentico flusso emotivo in soggettiva, che pare comporsi via via, piano piano, davanti a noi, proprio come fosse un quadro, a grandi pennellate.Van Gogh è l’artista più amato e più incompreso di sempre. L’artista puro, il genio, quello che più di altri ha fatto della sua pittura una necessità. Un artista che, proprio per la sua genialità, ci ha insegnato a guardare la realtà in modo diverso.
 
Grande ritorno a Saronno di GEPPI CUCCIARI che riporta in scena PERFETTA (19-20 marzo), lo spettacolo racconta un mese di vita di una donna attraverso le quattro fasi del ciclo femminile. Una lotta quotidiana per trovare una porzione di felicità.
 
Ancora prosa con due fuoriclasse delle scene: MASSIMO DAPPORTO e ANTONELLO FASSARI che con IL DELITTO DI VIA DELL’ORSINA (26-27 marzo), diretti dall’instancabile Andrée Ruth Shammah portano in scena l’ultima produzione del Teatro Franco Parenti. Uno spettacolo leggero e divertente ma allo stesso tempo profondo; una riflessione sull’insensatezza e l’assurdità della vita. Molto diversi l’uno dall’altro, i due protagonisti credono di aver commessoun efferato omicidio. Una situazione paradossale, un po’ beckettiana brillantemente costruita da un gigante della drammaturgia come Eugène Marin Labiche.
 
Si ritorna al Variety con due amatissimi comici LILLO E GREG nel loro ultimo spettacolo GAGMAN UPGRADE (31 marzo). Tornano le fantastiche gag dei nostri supereroi preferiti che portano in scena i loro intramontabili cavalli di battaglia, insieme a tantissime novità. Uno spettacolo esilarante che attinge dal loro inesauribile repertorio teatrale, televisivo e radiofonico.
 
Gli ultimi due appuntamenti del Teatro Civile sono dedicati a Testori e Manzoni. Con CLEOPATRÀS (7 aprile) l’opera di Testori, con la sua forza innovativa e prorompente, ci avvicina ad un personaggio che parrebbe distante e difficilmente riconducibile al contesto in cui viviamo. La sua Cleopatràs, spogliata degli abiti regali e rivestita solo di carne e sangue ci parla in un linguaggio crudo e palpitante, in un dialetto che appartiene a tutti e che rievoca un’Italia ormai dimenticata. LA MONACA DI MONZA (5 maggio) è un viaggio a tinte forti fra le pagine più toccanti dei Promessi Sposi sulle tracce della Gertrude manzoniana. Un percorso a ritroso che attinge ai capitoli censurati del romanzo, quelli di Fermo e Lucia, in cui le tristi vicende della Monaca vennero narrate nella loro interezza e che poi l’autore preferì tacere. Una storia vera, tragica ed attualissima che non solo traccia uno spaccato dell’Italia di ieri e di oggi, ma che scandaglia l’abisso dell’esistenza interrogandoci ancora una volta su quell’enigma che è “quel guazzabuglio del cuore umano”. 
 
A chiudere la stagione di prosa MI AMAVI ANCORA… (9-10 aprile) ETTORE BASSI e SIMONA CAVALLARI sono protagonisti di un’opera introspettiva, fatta di dubbi e apprensioni, firmata da Florian Zeller. Lo scrittore e drammaturgo Pierre è morto in un incidente d’auto. Nel tentativo di mettere ordine ai suoi documenti, Anne, la vedova, scopre alcuni appunti presi per la stesura di una futura commedia, che avrebbe dovuto raccontare la storia di un uomo sposato, scrittore di professione e innamorato di una giovane attrice. Fiction o autobiografia? Attraverso flashback e situazioni inaspettate, lo spettatore si immedesima in questi personaggi, in una ricerca fatta di dubbi e apprensioni, in cui si mescolano realtà, immaginazione, paura, risate e fantasia.
 
PAOLO CEVOLI torna in teatro con il suo nuovo spettacolo LA SAGRA FAMIGLIA (22 aprile). Genitori e figli. Dramma della nostra epoca. Ma forse questo problema esisteva già al tempo dei cavernicoli. E gli antichi romani, i greci, gli ebrei facevano i compiti ai loro figli? Paolo Cevoli racconta la sua storia personale di padre e di figlio paragonata con ironia e leggerezza ai grandi classici. Edipo, Ulisse, Achille Enea e compagnia bella. Fino ad arrivare a Dio in persona con Mosè e il popolo ebraico. E la famiglia di S. Giuseppe, Maria e Gesù Bambino. La Sacra Famiglia.
 
Non mancheranno gli appuntamenti di teatro per i più piccoli e le loro famiglie. Sei nuovi spettacoli e una ripresa. Domenica 17 ottobre STORIA DI NINA uno spettacolo poetico sul valore dell’amicizia e della condivisione. Con PICCOLE STORIE (12 dicembre) i piccoli spettatori verranno invitati a sedersi direttamente sulle assi del palcoscenico per ascoltare quattro storie necessarie che cercano una strada per incontrare orecchie, occhi e cuori pronte ad accoglierle in un viaggio tra le emozioni. Appuntamento serale super natalizio quello del 23 dicembre con Claudio Milani ne LA CONTA DI NATALE in scena un Calendario dell’Avvento che nasconde storie, brevi racconti, pupazzi, giochi e qualche cioccolatino per i più fortunati! Prima dello spettacolo i cantori di ATELIER DEL CANTO diretti da Irene Di Vilio accoglieranno il pubblico con Carole Natalizie. In questi mesi il nostro teatro ha ospitato Claudio Milani e la sua compagnia per l’allestimento del nuovo spettacolo CUORE che andrà in scena il 23 gennaio. Una storia che parla di emozioni. Del governo delle emozioni. Per governare alcune emozioni, dentro al cuore, a volte serve la dittatura, altre volte l’anarchia. Chiudono la stagione due appuntamenti con i grandi classici: JACK E IL FAGIOLO MAGICO (27 febbraio) e PETER PAN (12 marzo).
 
Come si può vedere una stagione lunga e variegata, pensata e cucita appositamente per piacere al pubblico del Teatro Giuditta Pasta. Un lavoro di alta sartoria che ci ha visti impegnati negli ultimi mesi e che oggi vi “restituiamo” nella speranza di rivedervi presto numerosi in sala.
 
Questa stagione nasce in un momento triste per il nostro teatro per una perdita che nessuno potrà mai colmare, forse neanche il tempo la potrà lenire.
Ad Elisabetta che questo teatro l’ha visto nascere e crescere, vogliamo dedicare la prossima Stagione. Un piccolissimo segno per ricordare a tutti che anche in questo momento e ad ogni alzata di sipario, lei è tra noi. A presto cara, dolce amica.
 
 
 
Grazie al nostro Main Partner: Enrico Cantù Assicurazioni verrà aperto un ulteriore punto vendita esterno alla biglietteria del teatro. Presso la loro nuova filiale (via Volonterio 27, Saronno) a partire dal mese di ottobre sarà possibile acquistare biglietti e abbonamenti, tutti i giorni in orario d’ufficio. Un servizio aggiuntivo che speriamo possa agevolare il nostro pubblico.
 
I biglietti della stagione re-PLAY sono già in vendita online e al botteghino.
 
I biglietti e gli abbonamenti della Stagione 2022 saranno in vendita da mercoledì 22 settembre.
 
ORARI DI BIGLIETTERIA (a partire dal 15 settembre 2021)
mercoledì e sabato dalle 9.30 alle 12.30
venerdì dalle 14.30 alle 17.30
 
 
Anna Montani
 

 

13 settembre 2021 – da Lorenzo Puzziferri : SPORT AL CENTRO: CHE BELLA GIORNATA, SARONNO!

SPORT AL CENTRO: CHE BELLA GIORNATA, SARONNO!


Prima della partenza scolastica dei ragazzi, é stato bello vedere il centro di Saronno animarsi all’insegna del gioco e della cultura sportiva.
La partecipazione é stata notevole e soprattutto per gli addetti ai lavori – come è anche il sottoscritto – é stato sicuramente emozionante vedere ripartire lo sport in tutte le sue discipline.
Ci tengo a ringraziare tutta la Saronno Sportiva: dall’Assessore Gabriele Musarò, agli uffici Cultura e Sport, rappresentati da Luciana Carioli – riferimento fondamentale per le nostre asd – ma soprattutto le nostre Associazioni Sportive, che si sono impegnate moltissimo nella preparazione delle attività proposte a bambini e ragazzi.
Ci tengo a menzionare in particolare la neonata associazione di skateboarding “The Other Side” – con cui si arriva al conseguimento di ben 43 associazioni sportive presenti sul territorio – che da diversi mesi a questa parte si sta impegnando affinché uno sport prettamente street porti benefici, oltre che dal punto di vista sportivo, anche dal punto di vista della rigenerazione sociale e territoriale.
Nella prossima Commissione Sport (che presiedo) proporrò modifiche al regolamento vigente della consulta sportiva, affinché le prossime nuove associazioni sportive possano essere maggiormente invogliate a formarsi ed affinché il numero di discipline sportive presenti in città possa continuare ad aumentare.

10 settembre 2021 – da O-S.: CRISTIANA DHO – NOMINA A CONSIGLIERE COMUNALE INCARICATO nell’ambito della rigenerazione dell’area dismessa ex Isotta Fraschini.




10 settembre 2021 – da O-S.: CRISTIANA DHO – NOMINA A CONSIGLIERE COMUNALE INCARICATO nell’ambito della rigenerazione dell’area dismessa ex Isotta Fraschini.

Obiettivo Saronno informa i cittadini che il Sindaco Augusto Airoldi ha nominato l’ing. Cristiana Dho come Consigliere Comunale Incaricato nell’ambito della rigenerazione dell’area dismessa ex Isotta Fraschini.
Con questo ruolo, la nostra Consigliera avrà il compito di studiare e approfondire gli aspetti di riqualificazione dell’area dismessa per le parti di competenza dell’amministrazione comunale. In particolare, fornirà il suo contributo nella progettazione del parco urbano con l’individuazione di funzioni pubbliche utili e compatibili col territorio e del nuovo parcheggio sotterraneo che sarà strategico per la mobilità e per lo sviluppo dei servizi esistenti e nuovi della città. Collaborerà proattivamente con gli Assessori competenti – in particolare l’arch. Merlotti, l’ing. Ciceroni e il dott. Casali – per la realizzazione degli obiettivi previsti per questo ambito nel programma amministrativo.
Cristiana Dho avrà la possibilità di contribuire allo sviluppo di un’area molto ampia – complessivamente di 120 mila metri quadrati – ormai abbandonata da più di trent’anni, che ha la potenzialità di favorire la rinascita della nostra città. Il suo impegno sarà orientato alla ricerca di idee e soluzioni che siano il meglio per il benessere dei cittadini in termini di vivibilità e servizi offerti. Sarà una figura di riferimento per i colleghi consiglieri che avranno così più tempo e risorse per approfondire altri temi.
La collaborazione vivace e fattiva con la proprietà dell’ex Isotta Fraschini sarà un ingrediente indispensabile considerando che entrambe le parti, pubblico e privato, hanno un obiettivo comune: il bene dei cittadini.

8 settembre 2021: da Obiettivo Saronno: CONSEGNA FIRME DELLA PETIZIONE DI SENSIBILIZZAZIONE PER L’OSPEDALE DA PARTE DELLA LISTA CIVICA OBIETTIVO SARONNO AL SINDACO AUGUSTO AIROLDI

Comunichiamo che Lunedì 13 Settembre ore 17:45 presso il Comune di Saronno, una delegazione di Obiettivo Saronno consegnerà al Sindaco Augusto Airoldi, in accordo ai protocolli anti Covid-19, la copia indirizzata al Primo Cittadino della petizione pro Ospedale, sottoscritta da più di tremila Cittadini da maggio 2020 a gennaio 2021.

Con questa iniziativa abbiamo voluto che si tornasse a parlare del destino del nostro Ospedale cittadino e dare voce alle Persone che vivono nel territorio saronnese e che attendono con ottimismo l’evolversi della situazione, certi dell’importanza della loro partecipazione su temi fondamentali come la salute.

Informiamo, inoltre, che ad oggi non abbiamo ricevuto alcuna risposta in merito alla richiesta di incontro inviata in data 4 Maggio a Regione Lombardia ed in particolare al Vice Presidente e Assessore al Welfare Letizia Moratti, riguardo la consegna della copia della petizione di sensibilizzazione per l’Ospedale, avente come destinatario proprio Regione Lombardia.

Non per questo Obiettivo Saronno non porterà a termine il “mandato” affidatoci direttamente dai Cittadini e prossimamente consegneremo anche a Regione Lombardia e ad ASST Valle Olona la petizione, dando finalmente voce e risalto a tutti coloro che credono nella possibilità che il nostro Ospedale possa tornare ad essere un eccellente Presidio di I Livello.

Augurando a tutti buon lavoro, salutiamo cordialmente,

Il Direttivo di Obiettivo Saronno.

08 settembre 2021 – da Press Office LSG: Press office LSG 09:14 (40 minuti fa) a me In anteprima il long trailer dell’ultimo film del regista saronnese Luciano Silighini Garagnani “Da una corsa in bicicletta”

I

In anteprima il long trailer dell’ultimo film del regista saronnese Luciano Silighini Garagnani “Da una corsa in bicicletta” dedicato all’Onorevole Gianfranco Librandi. Ben 9 minuti di anteprima del film interamente girato nel saronnese e che avrà la prima riservata ad attori e ospiti in ottobre a Milano per poi arrivare a Saronno in un evento pubblico per tutta la cittadinanza
https://youtu.be/-VErAFMqv9g

Ben 9 minuti di anteprima del film interamente girato nel saronnese e che avrà la prima riservata ad attori e ospiti in ottobre a Milano per poi arrivare a Saronno in un evento pubblico per tutta la cittadinanza
https://youtu.be/-VErAFMqv9g