12 ottobre 2020 – L’OMAGGIO A ENNIO MORRICONE INAUGURA UFFICIALMENTE LA STAGIONE TEATRALE 2020/2021 DEL TEATRO GIUDITTA PASTA.



Comunicato stampa
L’OMAGGIO A ENNIO MORRICONE INAUGURA UFFICIALMENTE LA STAGIONE TEATRALE 2020/2021 DEL TEATRO GIUDITTA PASTA.
 
Sabato 17 ottobre alle ore 21.00 un ensemble tutto al femminile renderà omaggio a una delle figure più emblematiche del Novecento con C’era una volta Morricone, uno spettacolo che è un viaggio imperdibile e travolgente dentro la sua arte.
 
Il “Maestro” non ha bisogno di troppe presentazioni: nella sua bacheca non solo due Oscar, ha vinto anche tre Grammy Awards, quattro Golden Globes, sei BAFTA, dieci David di Donatello, undici Nastri d’Argento, due European Film Awards, un Leone d’Oro alla carriera e un Polar Music Prize, più di 70 milioni di dischi venduti nel mondo. Le sue composizioni hanno affascinato intere generazioni e attraversato svariati generi musicali, facendo di lui il più importante compositore di colonne sonore di tutti i tempi.
 
La vita di Ennio Morricone è stata un inno alla musica: le sue melodie sono state la colonna portante di grandi sogni cinematografici diventati realtà. La sfida sottesa a questo spettacolo era omaggiarlo in un modo diverso dal solito o da rielaborazioni banali del suo repertorio. Per questo sul palco ci saranno le Alter Echo, la soprano Elena D’Angelo e la pianista Hilary Bassi che aiuteranno il pubblico a ripercorre i momenti, i brani e le emozioni di un genio indiscusso.
 
Il Quartetto Alter Echo nasce sui palchi prestigiosi della lunga tournée Opera Seconda dei Pooh. Dopo aver girato l’Italia con grandi artisti come: Andrea Bocelli, Sting e molti altri, ospiti d’onore per eventi Dolce&Gabbana, Gucci Italia, Bulgari, Porsche e spot TIM. 2017, hanno deciso di proporre la formazione classica da camera per eccellenza al servizio della musica pop, diventando un punto di riferimento crossover nel panorama italiano. Il loro nome “Alter Echo”, non è casuale ma sta a designare di fatto una concezione musicale molto vasta e che si nutre di opposti – ad esempio il barocco ed il rock – e che abbraccia stili ed epoche a trecentosessanta gradi. Dal celebre Canone di Pachelbel alle armonie di Johann Sebastian Bach, dalla musica di Antonio Vivaldi passando per il Settecento di Wolfgang Amadeus Mozart e l’Ottocento di Johannes Brahms, allargando gli orizzonti fino a toccare il pop dei Beatles, il jazz di Dave Brubeck, le musiche da film di Morricone, la musica d’autore italiana per approdare al rock dei Led Zeppelin, dei Metallica, dei Muse, accompagnandovi in un viaggio musicale senza tempo e senza spazio!
 
ELENA D’ANGELO Studia pianoforte e canto lirico, dedicandosi successivamente solo a quest’ultimo, sotto la guida del M°Anatolj Goussev con il quale si diploma brillantemente. È laureata in Lettere Moderne all’Università Statale di Milano. Nel 1996 debutta nel ruolo di Susanna ne: “Le nozze di Figaro” di W.A.Mozart. Dal novembre 2004 al 2013 è la Prima Attrice Soubrette – soprano della storica “Compagnia Italiana di Operette” con la quale si esibisce nei più importanti teatri italiani. Dal 2014 è fondatrice, direttrice artistica e regista della Compagnia d’Operette Elena D’Angelo. Collabora stabilmente con la Fondazione Pavarotti. Oltre all’attività legata all’operetta e ai concerti, da diversi anni si occupa di regia allestimento e costumi di opere liriche: Nel 2018 cura regia allestimento e costumi del Nabucco di G. Verdi tenutosi al Teatro Manzoni di Monza, al teatro degli Arcimboldi di Milano, al teatro Condominio di Gallarate e infine al teatro Amaya di Irun in Spagna.
 
HILARY BASSI: si diploma in pianoforte all’età di 19 anni con il massimo dei voti e, sempre con lo stesso risultato, consegue il Diploma Accademico di II livello. Si dedica regolarmente all’attività di pianista accompagnatore e camerista esibendosi in Italia, Belgio, Francia, Russia, Germania e Slovacchia. Dal 2009 suona in Duo con Diego Di Mario (1° trombone dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI) con cui tiene concerti in Italia e all’estero, vincendo il Primo premio assoluto a numerosi concorsi cameristici. Lavora come consulente nell’organizzazione di Master class e nella stesura di programmi di sala e libretti (tra cui quello del CD “Passe-temps for 4” del Quartetto Italiano di Tromboni uscito in occasione della tournée in America e Belgio). Si dedica al genere del Concerto narrato per voci recitanti e pianoforte a 4 mani (scrivendone inoltre i testi) e si occupa della stesura e messa in scena di spettacoli interattivi ludico-didattici per bambini.
 
Biglietti ancora disponibili:
intero 28 euro, ridotto 26 euro, ridotto Under26 20 euro.
 
Lo spettacolo va in scena – sia per il pubblico che per gli artisti – nel rispetto delle norme per la sicurezza in vigore.
 
Teatro Giuditta Pasta (via I Maggio, Saronno – VA)
Sabato 17 ottobre 2020 | ore 21.00
C’ERA UNA VOLTA MORRICONE. Il suono e la Leggenda.
Le Alter Echo sono: Marta Taddei – I° Violino; Noemi Kamaras – II° Violino;
Roberta Ardito – Viola; Rachele Rebaudengo – Violoncello
soprano: Elena D’Angelo
pianista: Hilary Bassi
arrangiamenti di Michele Cusato
 
in allegato foto di scena –
 
 
Anna Montani
 

 
Fondazione Culturale Giuditta Pasta
via I maggio snc – 21047 Saronno VA
Tel: +39 02.96.70.19.90
Fax: +39 02.96.70.20.09
ufficiostampa@teatrogiudittapasta.it
www.teatrogiudittapasta.it

www.facebook.com/TeatroGiudittaPasta
Questo messaggio contiene informazioni di carattere confidenziale rivolte esclusivamente al destinatario sopra indicato. Sono vietati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *